Artigos

26/07/2018

Affinità spirituali ed intellettuali tra Tullio Garbari e i Maritain

La riflessione di Raïssa e Jacques Maritain sulla creazione artistica, che si sviluppa da Arte e scolastica (1920) a Frontiere della poesia (1935), da Situazione della poesia (1938), a L’intuizione creativa nell’arte e nella poesia (1953) fino a Responsabilità dell’artista (1960)1 , non nasce per deduzione logica da un sistema filosofico, come quella di Benedetto Croce, ma a partire dalla conversazione con artisti e poeti, con compositori musicali e romanzieri. Raïssa Maritain racconta nella autobiografia, I grandi Amici2 : “Rouault ci mostrava volentieri ciò che faceva. Non potevamo seguire senza emozione il progresso della sua paziente fatica, in una purezza di intenzione artistica estremamente rara anche presso i più grandi. L’abbiamo visto passare da un’epoca oscura ad un’epoca luminosa di progresso costante verso la serenità, verso la padronanza piena della sua materia pittorica, come verso la perfetta potenza sintetica dei suoi grandi disegni”3 . Rouault voleva vivere nella contemporaneità, trovare forme nuove per un’arte che aveva acquisito coscienza della sua autonomia dalla tradizione e dai contenuti, rifiutando ogni forma di accademismo: ....

Esse texto contém anexo


Autor(es)

Jacques Maritain